Angoli acuti sull’industria

by MassimoDecimoMeridio

oltre 7 anni fa

Istruzioni:
Esplora un luogo abbandonato e lascia un simbolo triangolare.

“Scale e fornaci”

Foto0014

Foto0015

Foto0016

Foto0017

Foto0018

Foto0019

Foto0021

Foto0024

Foto0014 Foto0015 Foto0016 Foto0017 Foto0018 Foto0019 Foto0021 Foto0024

Fin da bambino questa fornace per i mattoni abbandonata vicino a casa mia mi aveva affascinato. questa ciminiera alta alta e irraggiungibile, a cui mancavano proprio gli scalini più vicini al suolo mentre quelli che salivano in cima erano rimasti( probabilmente molto cedibili). e anche il secondo piano che era sicuramente vuoto ma dove nessuno era mai salito. Il classico luogo inesplorato che un bambino sogna di essere il primo a scoprire.

E io, che questo desiderio di esplorare mondi nuovi me lo sono portato fino ai 20 anni, come non potevo collegare immediatamente questa esecuzione a questo luogo che tanto mi aveva affascinato?

Ed eccoci allora ad un anonimo venerdi pomeriggio di novembre, parcheggiata la macchina a poca distanza dal luogo, inizio a cercare un luogo ideale su cui piazzare il Marchio.
L'ideale sarebbe stato salire sulla ciminiera ma era anche abbastanza impraticabile e un tantino pericoloso essendo l'edificio mancante di qualsivoglia tipo di scale e usurato da anni di abbandono.
Opto allora per l'ugualmente irraggiungibile secondo piano e dopo svariati tentativi di arrampicarmi a mani nude senza nessun appiglio, un pò desolato abbandono anche questa idea e mi rassegno a dover marcare l'anonimo piano terra.
Quando improvvisamente l'illuminazione, nascosta dentro uno dei forni del primo piano una scala ,lasciata li chissa da quanto, dell'altezza giusta per arrivare proprio a quel secondo piano tanto desiderato.
Questo significava che qualcuno c'era stato prima di me, un barbone o qualche muratore ma non importava, dovevo realizzare questo mio obbiettivo interiore.
Prendo la scala e senza neppure controllarla mi fiondo fuori e la posiziono correttamente.
Inizio a salire... e quando sono ormai a pochi gradini mi accorgo che la scala è composta da tre diversi pezzi staccati e fissati insieme da un gancio di ferro e che uno di questi ganci è talmente arrugginito che sotto il mio peso si sta lentamente e inesorabilmente piegando rischiando di rompersi e farmi volare giù.
Ma ormai ero li e pochi passi e non potevo più tirarmi indietro. Procedo e arrivo sano e salvo al secondo piano, completamente vuoto ma comunque splendido per quello che rappresentava per me. decido di lasciare due triangoli uno sulla colonna portante e l'altro per terra. Dopodiche rimango per una decida di minuti a godermi il panorama e la mia estasi personale e infine mi affaccio di nuovo sulla scala. Sempre più piegata. E la discesa era pure più complicata. inizio perciò a scendere i gradini con attenzione ma anche abbastanza velocemente e quando finalmente riesco a raggiungere il suolo mi accorgo che ce l'ho fatta, che questo gioco funziona e ti fa fare quello che non hai mai fatto ma che incosciamente volevi.

Per questo motivo grazie CCU

3 Commenti

  • Aug truzzo
    Zaug [681 commenti]
    oltre 7 anni fa

    Ci sono posti che sono rimasti pazienti ad aspettarci per anni. Bravo Massimo, so anch'io l'emozione che si prova a fare una cosa del genere, non credo che la dimenticherai presto.
  • Picture0012
    Broccoli or Potatoes? [4738 commenti]
    oltre 7 anni fa

    Il racconto è bellissimo, riesco quasi a immaginare come ti possa essere sentito! Sicuramente la scala traballante ha contribuito al fascino dell'esplorazione ;) Il commento da zia prudente però te l'ha già lasciato Pryntyl, quindi io ti faccio i complimenti per quello che hai scritto e taccio!
  • Pry
    Pryntyl [2895 commenti]
    oltre 7 anni fa

    Bel posto! Ma non rischiare più con le scale pericolanti!