I 600 colpi

by Veleno

circa 4 anni fa

Istruzioni:
Scrivi per dieci minuti tutto ciò che ti viene in mente.

“Leggerezza.”

Avevo molte aspettative riguardo questa esecuzione.

10 minuti di flusso.

Ininterrotti.

Ero conscio che per ottenere il meglio avrei avuto bisogno di uno stato alterato. Questo particolare stato mi si è presentato stasera, 25 settembre 2013, dopo alcune birre durante e dopo le prove con il gruppo. Non avevo alcuna intenzione di lasciarmi sfuggire questa occasione.

Vorrei davvero parlarvi di mille cose, di ogni cosa. Parlar fino al punto di ripetermi. E mi ripeterei tante volte. Ma 10 minuti sono incredibilmente veloci in occasioni come questa. Vi ho detto un centesimo delle cose che volevo dirvi.

Affrontare il Discorso in ogni suo aspetto, fino a sviscerarlo, secondo tanti punti di vista e secondo diverse posizioni. E' veramente stancante, difficile, complicante e di conseguenza è la via più completa.

Vorrei scriver molto altro, ma ho già svolto quest'istruzione... non mi pare il caso di invadere anche questo spazio.

Parlate.
Parlatemi.
Usate le parole come mezzo dando loro un peso.
Un pò come i kabalisti, che sanno che ad ogni lettera corrisponde ad numero, che corrisponde ad una potenza, ad una sephira, ad una forma, ad un entità, ad una dimensione.
Ho detto più del richiesto e meno del necessario.

_______________________________________________________________

Il video è terribilmente noioso, serve solo come sottofondo musicale durante la lettura.

Arrivederci.

Vi incollo qui il testo, con tutii gli errori di battitura dati dallo stato alterato e dalla fretta. Qualcosa di molto vero.

___________________________________________________________________
___________________________________________________________________

Riuscire a mettere per iscritto il pensiero ed il suo flusso.
Questa sera dopo aver terminato le prove con il gruppo sono rimasto con il batterista al bar, a bere della birra. Una necessaria immersione nella vita normale. Senza virgolette. Mi ha assalito il flusso di pensieri.
Hop conosciuto tante persone enlla mia vita., Di cattive, per fortuna, nemmeno una. Credo.
Eppure sono sicuro che la cattiveria, il male himself, sia un concetto di cui si è abusato. Era Terzani che diceva chbe in ognuno di noi vivono tante entitrà differenti. Ognuno è assassino, pedofilo, saggio, stronzo, intelligente, approfittatoree, furbo, consapevole, riflessivo, buono, ladro. Ognuno di noi è un q ualcosa in potenza. Poi, in essere, ci manifestiamo in modi e con tempoi che non sempre controlliamo.
Una delle mie frasi preferite è: c'è molto da dire, e poco di cui parlare.
Dove sta la differenza tra dire e parlare? Dire è come vedere, parlare è come ghuardare.
Per quale motivo dobbiamo parlare di cose, fatti, opersone, concetti... se non siamo veramente in greado di essere noi stessi ciò che esce dalla nostra bocca?
Avrei così tante cose da affrontare iun questo discorso, vorrei che questoi 10 minuti passassero ad un quarto della normale velocità.
Il tempo. La vera moneta. La fatica è realtiva. In realtà tutto è relativo e va affronate secondo u p0unto di vista che è sempre personale. Quanto valgono 10 mionuti? Niente, se sono sul divano con la febbre, tutto se sto affrontandfo l0'esame di stato e il tempo scarseggia. Il relativismo, vera chiave di lettura di ogni cosa.
Prendiamo un conetto casuale. La giustiozia.
Cosa è giusto?m Cosa è sbagliato? Ci siamo dati delle regole ed abbiamo dato dei poteri. Teoricamente, tutti noi accetiamo questo sistema. In realtà (i fatti recenti parlano sa sé) accettare lo mstato di fatto è molto difficle. Eppure sdenza regole tutto quanto non gira.
Regole.
A cosa servono?
La mia popinione è che le regole sono un ostacolo ma allo stesso tempo la protezione piuù forte che esiste. Se è A, allora B.
Col cazzo.
Io nolte votle non ho regole.
Non vboglio sentirmi costretto.
Hgo la pretesa che gli altri che hanno a che fare cone me non mi considerino una pedina di un gioco normato, ma un esploratore del regolamento.
Se A, allora per me vale B. Oggi. Domani varrà C. Ma solo perchè domani è D.
E' difficile.
La vita è difficlia.
La pretesa di una vita facile ci ha portato a ciò che siamo ora.
Sono passati 10 minutio e 30 secondi...

7 Commenti

  • Immaginehuy
    PAoLy [1555 commenti]
    circa 4 anni fa

    tutto ciò che è facile non da soddisfazione.
    la vita è difficile, affila le armi, ma tieni una mano libera per le carezze.
  • Dsc03987
    ZannA [2458 commenti]
    circa 4 anni fa

    mi hai ispirato. mi sento come te stasera.
  • Pry
    Pryntyl [2895 commenti]
    circa 4 anni fa

    Per quanto ti conosco, scrivendoti e non parlandoti, ci sei proprio tu qui dentro!
  • A
    LaResdòra [1186 commenti]
    circa 4 anni fa

    Beh, direi che questa missione ti appartiene, sono felice che tu l'abbia fatta.
    Ti piace scrivere, ti piace sviscerare le cose, ti piace farlo (e ti viene meglio) quando hai un poco di alcol in circolo. E ci sta.
    Sei complicato, parli poco, sei un gioco a se.
  • Img 2961bis
    Delilah [555 commenti]
    circa 4 anni fa

    Parla. Di più. Oltre che scrivere =)
  • Gatto master
    Atanasius [313 commenti]
    circa 4 anni fa

    Apprezzo anche io le riflessioni e i riferimenti cabalistici.
  • Img 0746 1373384514814 n
    Stella III [1540 commenti]
    circa 4 anni fa

    Bella musica e ottime considerazioni! Mi è piaciuto il testo con gli errori originali!