L'indice remoto

by Guybrush

quasi 9 anni fa

Istruzioni:
Disegna o fotografa la tua mano. Descrivi cosa ha toccato nel corso della sua vita.

“La mia mano”

"Penso proprio che la prima cosa che la mia mano abbia toccato sia il liquido amniotico, quando vivevo ancora nella pancia della mia mamma. Non so l'ordine preciso delle cose che toccato in quel periodo, ma sicuramente ho toccato per la prima volta le parti del mio stesso corpo, il cordone ombelicale e le pareti della pancia della mamma. Il giorno della mia nascita la mia manina avrà toccato un mucchio di roba: il corpo della mamma, le dita che parenti e amici ti mettono in mano per farsele stringere, il tessuto del mio primo lettino, la mia saliva, le gengive e la mia lingua mettendo le mani in bocca...
Poi crescendo la mia mano ha toccato l'erba di un prato, il pelo di un cane, la ruggine di un chiodo, il sangue di una ferita, le lacrime versate, il cemento fresco, la corteccia di un albero, i capelli del nonno, il seno di una donna...
Si è sporcata di polvere, sabbia, terra, colori. Si è bruciata col fuoco e bagnata con l'acqua.
La mia mano sempre ha voluto toccare la luna, toccare l'amore anzi rapirlo, per non farlo fuggire mai più. Avrebbe volentieri catturato il dolore, accartocciato e gettato lontano".

2 Commenti

  • Gygettha Swinky [1881 commenti]
    quasi 9 anni fa

    Mi piace tanto questa descrizione, sei partito dalle origini, ci soffermiamo tutti sulla vita ma nessuno pensa a come è iniziato tutto... :)
  • Guybrush [174 commenti]
    quasi 9 anni fa

    Grazie Stewe!