Angoli acuti sull’industria

by peritus, PAoLy

oltre 5 anni fa

Istruzioni:
Esplora un luogo abbandonato e lascia un simbolo triangolare.

“LA BAITA FANTASMA”

Img 2435

Img 2425

vista dalla Chiesetta

Img 2430

Img 2437

L'accesso è bloccato da una discarica di gomme d'auto

Img 2438

Da fuori si vede il cielo

Img 2439

Sembra tutto molto precario ci fidiamo ad entrare?

Img 2440

All'interno c'è già un triangolo, anzi un cimitero di triangoli

Img 2441

La natura si sta impossessando di questo posto

Img 2442

Img 2444

Sembra tutto così spettrale

Img 2446

Altro giro, altro albero

Img 2447

Img 2448

Costruiamo un triangolo di paletti catarifrangenti...

Img 2449

Strappandoli da assurdi incastri e dalla fredda coltre di neve

Img 2450

Ora questo posto è più critical

Img 2451

Da un'apertura si affaccia un uccellino ma se ne va prima di essere fotografato

Img 2452

Attento a dove metti i piedi

Img 2454

Vieni vieni qua è sicuro

Img 2455

Img 2457

Altra angolatura

Img 2458

Paletti stradali ovunque

Img 2459

Chissà cos'era questa stanza?

Img 2461

Img 2462

Paletti e solo paletti

Img 2465

Quel che resta dell'estate

Img 2466

Chissà se scomparirai ancora

Img 2468

Resti del nostro passaggio allora ci siamo andati davvero!!!

Img 2469

C'è chi ha le scarpe da neve... e chi no...

Img 2470

Ora ti vedo

Img 2471

Sappiamo già che stai x scomparire

Img 2472

Tra i colori dell'inverno

Img 2473

Ecco l'hai fatto di nuovo

Img 2474

"PAoLy, non vedo niente!"

Img 2475

"Lo so peritus, ma è là, sono sicura!" "Già!"

Img 2435 Img 2425 Img 2430 Img 2437 Img 2438 Img 2439 Img 2440 Img 2441 Img 2442 Img 2444 Img 2446 Img 2447 Img 2448 Img 2449 Img 2450 Img 2451 Img 2452 Img 2454 Img 2455 Img 2457 Img 2458 Img 2459 Img 2461 Img 2462 Img 2465 Img 2466 Img 2468 Img 2469 Img 2470 Img 2471 Img 2472 Img 2473 Img 2474 Img 2475

Avete mai visto una baita che da vicino compare e da lontano per magia scompare? noi sì.

PAoLy l'ha vista dalla strada statale di ritorno dalla spesa di capodanno "gira qui Periii!!! c'è una baita diroccata e un po' magica, andiamo a esplorarla!!!"

decidiamo di girare per la stradina e cercare un parcheggio.

capiamo in poco tempo che a BOALZO, "ridente" località della Valtellina, non esistono parcheggi, ma neanche Bar, negozi, locali. a Boalzo, a parte le case (e che case!) c'è solo una Chiesa e un parco giochi.
ci ritroviamo nello spiazzo rialzato della Chiesa, guardiamo giù, ma della nostra baita nemmeno l'ombra.

scendiamo e posteggiamo provvisoriamente l'auto accanto al parco giochi.
Peri "ma dov'è la tua baita? sei sicura di averla vista? lì non c'è proprio nulla!"
PAoLy "certo che son sicura, era proprio lì!"
Peri "sì, ma ora non c'è NULLA lì."

decidiamo di avvicinarci, ma ancora NIENTE. dopo qualche passo affrettato però la baita compare come per magia.

"ECCOLAAAA PERIIIIII!!!!" esclama PAoLy affrettando il passo e quasi correndo.
"SIIII, non correre che ti viene l'asma!"

e così ci imbattiamo in una baita di pietre, a cui manca il tetto e qualche muro.
nel centro sono cresciuti alberi e sterpaglie ed è diventata una discarica di gomme d'auto, paletti catarifrangenti e cartelli stradali.

qui sotto vi riportiamo una storiella per bambini che abbiamo trovato su internet:

**********************************************************************************************
LA BAITA MISTERIOSA

Avevano corso a perdifiato nel bosco, sorpresi dal temporale, e ora non sapevano più
dove si trovavano. –Misericordia! Dove siamo finiti? -si udì la voce tremante di Tizi. –
Non possiamo stare sotto il temporale! -protestò Raffaella che era fradicia. –Già… ma
dove andiamo? -mormorò Maurizio, che non era in condizioni migliori. Io ho visto una
casa - affermò Marco. Un altro fulmine terrificante illuminò una catapecchia sbilenca,
a poche decine di metri. –SVELTI! -urlò Maurizio sotto il fragore del tuono. Con il
cuore in tumulto, i quattro ragazzi corsero verso la baita e si affacciarono al vetro
rigato di pioggia. Una vecchina curva, con un fazzoletto sulla testa, stava seduta
davanti al camino e rimescolava qualcosa che bolliva nel paiolo appeso alla catena. Si
consultarono con un’occhiata, poi bussarono al vetro con le nocche. La vecchina si
voltò. Aveva il volto magro e ossuto, incredibilmente rugoso, il naso grosso e adunco e
il mento sporgente. Ciocche di capelli grigi le scendevano da sotto il fazzolettone
lungo le guance incavate. Persino Maurizio fu assalito da una sensazione di sgomento.
La vecchina, vedendo i ragazzi incorniciati nel vetro, ciabattò verso la porta, che si
aprì cigolando. –Siete bagnati, entrate… -li invitò. “Che strano ambiente… sembra
l’antro delle streghe… ”riflettè Raffi, guardandosi intorno. Il paiolo che bolliva sul
fuoco, il grosso gatto nero che dormiva sulle pietre del camino, la ramazza in un
angolo… c’era persino la civetta impagliata in una nicchia del muro. Ma, a rassicurarla,
fu il profumo di polenta che c’era nell’aria. Le streghe non cucinano polenta. Un minuto
dopo si godevano il tepore del fuoco. Videro come in sogno la vecchina che ritirava il
paiolo; mangiarono senza neppure rendersene conto la polenta e bevvero il latte caldo.
Combatterono inutilmente contro il sonno, in quel misterioso torpore che li aveva
assaliti, e caddero profondamente addormentati. Maurizio si risvegliò per primo. Gli
ci volle qualche istante per capire dove si trovava. Già, nella baita della vecchina… Il
temporale era passato, anzi, era tornato addirittura il sereno. Guardò l’orologio e
scoprì che aveva dormito soltanto poco più di mezz’ora: meglio così. Destò i suoi
compagni. Nel camino la cenere era fredda, come se il fuoco non fosse mai stato
acceso. Il paiolo pendeva vuoto sulla mensola, come se non fossero stati usati da anni.
E nella baita non c’era nessuno. –Bisogna salutare la padrona di casa-ricordò Tizi. –Ma
non c’è. –Sarà qui di intorno, nella stalla, nell’orto…. Non la trovarono. –Se ne è andatadisse Maurizio. Ma avrebbe voluto dire: ”E’ sparita”. Quando era uscito all’aperto,
aveva riconosciuto la baita in cui si erano rifugiati: era quella in cui, secondo una
leggenda abitava la “masca”, la strega di quel bosco, alla quale nessuno osava
avvicinarsi.

Gianni Padoan, Il Fantasma di Monte-che-barba.

8 Commenti

  • Cyborg 3.5
    Suh(shi) [1661 commenti]
    oltre 5 anni fa

    c'era una casa molto carina senza soffitto senza cucina!!!
  • Befunky holgaart 4
    Gygettha Swinky [1881 commenti]
    oltre 5 anni fa

    uh che posto! incredibile è scompare davvero mimetizzata come se fosse stata costruita apposta per questo scopo... bravi ragazzi (Paoly comprati delle scarpe da neve ahah)
  • Vbtre
    V.B. [575 commenti]
    oltre 5 anni fa

    Dunque ci sono Baite anche al di fuori del Trentino!
    Roba da matti!
    :)
  • Pry
    Pryntyl [2895 commenti]
    oltre 5 anni fa

    La baita che scompare, che storia affascinante!
  • The pilgrim sunglasses quadrato
    Spettacoloss [927 commenti]
    oltre 5 anni fa

    Non ci crederete, ma l'ho svolta anch'io in una baita abbandonata il primo dell'anno e ho ancora le foto da caricare! :D
  • Picture0012
    Broccoli or Potatoes? [4738 commenti]
    oltre 5 anni fa

    Bellissima la storiella!
    Come sapevate che la baita appariva e scompariva?
  • Novembrea3
    Peppo Fox Mr Novembre [1040 commenti]
    oltre 5 anni fa

    ci sono delle foto bellissime...
  • Manuela
    Manuela SIB [357 commenti]
    oltre 5 anni fa

    Adesso farà freddissimo, ma quest'estate mi portate con voi a questa baita e ci passiamo la notte!!? Anch'io voglio conoscere la strega!!