Un tocco di verde clorofilla

by Deboroh

circa 9 anni fa

Istruzioni:
Procurati una piccola pianta in vaso, lasciala segretamente in un negozio, in un bar o comunque in un luogo pubblico che secondo te ne ha bisogno.

“Un fiore per il Pirata”

4362506682 40ed432454

Img 6748

Al negozio di fiori

Img 6749

Img 6751

La tomba/mausoleo dall'esterno

Img 6752

Alcuni omaggi dei fan

Img 6753

4362506682 40ed432454 Img 6748 Img 6749 Img 6751 Img 6752 Img 6753

Se percorrete l'autostrada A14 all'altezza di Imola, una volta arrivati al grattacielo del Mercatone Uno non potrete non notare una strana installazione situata sul prato lì sotto.
Si tratta di un'enorme biglia, di quelle con cui si giocava sulla spiaggia, facendo la pista trascinando un proprio amico e creando un solco col suo sedere, prima di dare il via a un torneo senza esclusione di colpi.
All'interno della biglia gigante c'è un'immagine di Marco Pantani, il ciclista scomparso 7 anni fa: si tratta infatti di un monumento inusuale che vuole celebrare un personaggio sportivo che di certo ha lasciato il segno nel mondo del ciclismo. A mio parere è un omaggio molto bello: oggi ormai vanno di moda le biglie di vetro, ma fino a qualche anno fa andavano per la maggiore le biglie di plastica, raffiguranti i ciclisti più famosi.
Era un periodo in cui i ciclisti erano visti come degli eroi, amati dal pubblico e seguiti anche dai più piccoli, prima che il ciclismo (come molti altri sport) venisse privato del suo spirito più sano e gettato in una spirale di soldi, scommesse e sostanze stupefacenti.
E Marco Pantani è rimasto vittima proprio di questo sistema.

Ha vinto il Giro d'Italia e il Tour de France ed è considerato uno dei più grandi scalatori di sempre; la sua carriera però è stata bruscamente interrotta dopo un'accusa di doping che lo ha fatto uscire dai circuiti da qualche anno.
In realtà non sarà mai trovato veramente positivo, ma le accuse ormai lo avevano bollato agli occhi dell'opinione pubblica e dei media; nel frattempo il settore del ciclismo comincia ad installare severi metodi di controllo, analisi del sangue, "spionaggio" nella vita privata degli atleti per controllare che non facciano uso di sostanze stupefacenti.
A detta di Pantani e di molti colleghi la cosa inizia a diventare insostenibile; il Pirata però non riesce più a reggere ed entra in depressione, cominciando a fare uso di alcool. Entra in clinica per disntossicarsi, ma proprio qui muore per un'overdose di cocaina.
Le autopsie fatte in seguito alla sua morte hanno escluso l'utilizzo di sostanze stupefacenti durante la sua carriera.

Anche se la biglia gigante è vicino a Imola, la tomba di Marco Pantani (meta ogni giorno del pellegrinaggio di decine di fan) si trova al cimitero di Cesenatico, vicino a dove il Pirata è nato e vissuto.
Io non sono e non sono mai stato un fan del ciclismo, ma la sua storia mi sembra esemplare nel raccontare come l'ambiente circostante possa creare una pressione tale, opprimendo una persona solamente con delle verità supposte.
Mi è sembrato doveroso portare un omaggio a uno sportivo che era bravo in quello che faceva, aveva entusiasmo, era amato dal suo pubblico, ma purtroppo è stato ostacolato da uno dei tanti sistemi che col tempo si sono macchiati di fango.

1 Voto

3 Commenti

  • P1010856
    Il Dede [1009 commenti]
    circa 9 anni fa

    Voto per il discorso della storia...ed inoltre, questa missione lascia qualcosa, e fa riflettere...
  • Img 0815
    Deboroh [119 commenti]
    circa 9 anni fa

    Vabbè, la missione testualmente dice in "un luogo che ne ha bisogno" :P
    Poi vabbè, credo che il gesto oltre che omaggio sia servito anche per raccontare una storia, le vivo così le missioni di CCU :)
  • Avatar 3.5
    Logan [2849 commenti]
    circa 9 anni fa

    Hmh va beh... fiori su una tomba è abbastanza normale! ;)