Fronde anticonsumismo

by Leniter, Suh(shi), Kim, Biliardone

quasi 9 anni fa

Istruzioni:
Pianta un albero davanti ad un cartello pubblicitario.

“Le mirabolanti avventure di Ivo l'ulivo ovvero del come, del quando e del perché da ulivo sono diventato un simbolo di resistenza.”

Img 7443

3x(coprire)3 e i Ivo l'ulivo

Dsc 0002 20copia

Cercando la nostra pace interiore...lontani dal consumismo

Dsc 0027 20copia

Barattoli? per cosa?

Dsc 0031 20copia

Decorazioni! E così aspettiamo con pazienza zen che i barattoli appena verniciati si asciughino

Dsc 0038 20copia

Bella topina molto intenta nel suo lavoro di decorazione

Dsc 0040

sì ma no ma questo è un GIALLONE RIMASTO

Dsc 0044

Non stiamo impazzendo no. Non siamo autistici no!

Dsc 0051 20copia

MANIPULITE

Dsc 0045 20copia

Dsc 0046

Dsc 0047 20copia

Decorazioni mica male eh

Dsc 0053 20copia

Eco Decorazioni

Img 7411

Ivo pronto per il viaggio con PadreLeniter autista

Img 7412

Incontri ravvicinati del terzo tipo

Img 7420

SCAVA SCAVA SEMPRE PIU' SCAVA !!!!!!

Img 7416

Sempre a scavare

Img 7429

Palese ed estremamente chiara foto di una signora che ci ha chiesto informazioni sulla pianta (triangoli ovunque)

Img 7435

Ivo in tutta la sua magnificenza decorativa

Img 7436

Semielfichehipsteronce Presenze 1

Img 7437

Epiche Presenze 2

Img 7439

Accucciate Inquietanti Presenze 3 (con la minipalettina usata)

Img 7441

Ivo Decorato...

Img 7442

Ti sorrido mentre affogo (nella terra di Ivo)

Img 7443 Dsc 0002 20copia Dsc 0027 20copia Dsc 0031 20copia Dsc 0038 20copia Dsc 0040 Dsc 0044 Dsc 0051 20copia Dsc 0045 20copia Dsc 0046 Dsc 0047 20copia Dsc 0053 20copia Img 7411 Img 7412 Img 7420 Img 7416 Img 7429 Img 7435 Img 7436 Img 7437 Img 7439 Img 7441 Img 7442 Hqdefault Hqdefault

WARNING: LENITER HA SCRITTO UNO DEI SUOI RACCONTI LUNGHERRIMI AS USUAL.
__________________________________________________________________________

Come stavo bene.
Come stavo bene, ripeto.
Riposavo quieto con gli altri al tiepido sole di un novembre. Un bel riposare.
Sono giovane ma non così tanto, sono vecchio ma mai abbastanza. Quelli più grandi di me dicevano che curato così, sempre ben nutrito, con il sole che accarezza le mie foglie i miei capelli, sarei diventato un vero adulto. Avrei avuto un tronco enorme, centenario, bicentenario.
Sarebbero nati i miei figli e qualcuno li avrebbe raccolti. Mi sarei appesantito ed il vento mi avrebbe scrollato di dosso i guai. La pioggia mi avrebbe lavato via le incertezze, il sole rischiarato i giorni nei quali penso e le radici si fanno più spesse dal troppo pensare.
E' proprio dalle radici che partono i miei pensieri: si espandono lungo la corteccia, dentro di essa, arrivano in alto e si protendono verso il sole.
I miei pensieri sono i rami, parlo con le mie foglie, le mie olive.
Come stavo bene, con gli altri miei compari a vivere la nostra semi eternità e guardare gli umani passeggiarci vicino.
Sono uno screanzato, non ho avuto nemmeno la decenza di presentarmi. Mi chiamo Ivo.
Sono un ulivo.
Sono giovane e pieno di forze, sono bello come un Divo.
Ivo l'ulivo Divo.
Come stavo bene, come stavo, come il mio vaso era piccolo sentivo le radici che pigiavano contro la plastica e mi dicevo sono forte come sono forte le mie radici spaccheranno la plastica e affonderò nella Madre Terra.
Sarò forte sempre più forte.
Sempre più Divo, sempre più ulivo. Sempre lo stesso Ivo.

E poi sono arrivati loro.

Due psicopatici in motorino: una ragazza riccia ed un ragazzo dai capelli scuri. Fratelli?
Gli umani non mi piacciono.
Mi hanno girato attorno. La ragazza mi ha esaminato, mi ha tastato il fusto, guardato le foglie.
Mi sono sentito violato: stronzetta cosa tocchi? non si tocca il Divo.
E poi la sentenza.
"E' lui! Lui andrà bene!"
Il terrore ha fatto scuotere tutte le mie foglie ma loro non se ne accorti. Erano troppo impegnati ad essere emozionati come adolescenti (adolescenti? io quanti anni avrò? 10? 8? Eppure ne so molto più di loro del sole, della vita che scorre. Sono destinato a vedere molto più di quel che vedranno loro).
Mi hanno rapito.
Quei bastardi mi hanno rapito.
Tremo ancora a raccontarvi questa storia, ma credo che sia necessario per voi sapere che cosa questi piccoli stupidi esseri umani mi hanno fatto. Gli altri hanno sempre detto che mi lamento troppo; io sostengo che siano loro a lamentarsi troppo poco.
Mi hanno caricato su una macchina e mi veniva da vomitare tutta la linfa che avevo in corpo. Con me un'altra pianta, Pachira, era sdraiata accanto a me. Lei sembrava felice.
Mi ha sussurrato con il vento (noi parliamo così, voi umani non ve ne accorgete. Ma noi bisbigliamo. Alle volte urliamo, voi pensate sia tempesta).
"Guarda che secondo me sono simpatici."
Non le ho risposto. Ho guardato il sole allontanarsi ed i miei compagni darmi commiato agitando le fronde.
Cosa mi sarebbe successo, non lo sapevo. Siccome sono un ulivo nichilista ho pensato che tanto chi se ne frega. Se devo morire, morirò da eroe.
E non sapevo il destino che mi sarebbe toccato.
Sono stato portato in una bella casa calda e posto in un piccolo balcone. Da lì ho chiacchierato con un grosso glicine e dal vetro potevo vedere Pachira che soffriva il caldo, ma veniva curata con tutto l'amore che la riccia poteva dare.
Si vedeva che questa ragazza riccia ci teneva a noi.
Un giorno mi è venuta vicino, in balcone (io stavo guardando un gatto miagolare davanti alla porta di un loft nel parchetto davanti alla casa della riccia e chiacchierando con i castagni del parco).
Mi è venuta vicino e ha pulito le mie foglie, ha grattato via le sporcizie, ha accarezzato le mie fronde, mi ha parlato con umiltà e testa china. Sembrava che mi volesse bene.
Che strani gli esseri umani. Vogliono più bene a noi piante che non possiamo parlare che ai loro stessi simili, che possono invece obiettare i loro comportamenti.
Noi piante siamo meno semplici di quel che possa sembrare.

Poi, l'incubo. O forse il sogno.
Ne sono arrivati altri, erano in totale 5, ma solo 4 erano veramente impegnato: il ragazzo dai capelli scuri, la riccia, un altro ragazzo, una ragazza dai capelli rossicci e gli occhi blu, alta e magra ed un altro ragazzo dagli occhi chiari. Io li vedo gli occhi degli umani. Loro non vedono i miei.
Hanno incominciato a ritagliare cartoncini, colorare barattoli, ridere, chiaccherare.
Li spiavo dal vetro della finestra e mi chiedevo...ma cosa staranno facendo.
Vedevo fili di spago che si tendevano, piccoli triangoli rossi ritagliati da pezzi di stoffa, colla vedevo sentivo non potevo toccare avrei teso i miei rami ma sapete gli alberi hanno un flusso di coscienza come la linfa non riesco le virgole non so ora sto bene non scrivo io, non scrivo la lingua di voi esseri umani.
Scrive per me la ragazza riccia. Nelle sue vene non più sangue ma linfa purissima, come la mia.

Sono rimasto fermo per un po' di giorni, ho assaporato la quiete.
Ho guardato vicende attraverso la finestra. Ho spiato la ragazza riccia guardare attraverso la finestra e sospirare, l'ho vista ridere, litigare, provarsi vestiti. Leggere, leggere tanto. Scrivere, scrivere cosa?

E poi, ieri notte.
Sono arrivati: ne mancava uno all'appello ma c'erano tutti. I miei presunti aguzzini.
Mi hanno preso di forza e caricato su una macchina, ancora. Accanto a me la ragazza dagli occhi blu mi guardava. Ci sarà un domani? Io cercavo di tendere i miei rami per tirarle i capelli. Ci ho provato, lo giuro, ma niente.
Mi hanno scaricato in un parchetto. Avevano freddo.
Hanno cominciato a scavare con una paletta minuscola. Ma veramente minuscola. E cantavano "ma che bel castello marcondirondirondello."
Sono proprio stupidi questi umani.
Hanno scavato, riso, scavato, riso e ancora scavato. Erano sporchi di terra ma lindi per l'allegria. Alla fine forse mi hanno fatto un bel regalo a portarmi via dalla serra, lo riconosco solo adesso.
Improvvisamente hanno smesso di scavare e mi hanno tirato per il fusto. Non si tira mai il fusto. Lo si massaggia. Ma non lo si tira.
Poi, finalmente, la terra.
Era fredda, ma era terra. Ed era tanta.
Mi hanno coperto con fogli di giornale per tenermi al calduccio: non sono riuscito a leggere il nome, la riccia e la rossa confabulavano su una certa CONGA ma io, questo, non capisco proprio cosa possa essere. Hanno legato ai miei rami le decorazioni e mi sono fatto forza. I pini sono abituati alle palline natalizie, non si lamentano. Noi ulivi siamo più presuntuosi, non siamo mica alberi da festività. Siamo simbolici: eternità, pace, forza, quiete, mediterraneo.
Mi sono sentito una sposa mentre si veste. La linfa mi palpitava dentro come se fosse diventata fuoco puro. Emozione. Anche le piante si emozionano.
Mi sono guardato intorno mentre loro mi saltellavano in cerchio come dei fauni (un ulivo sa cosa sono i fauni. Poi io sono Ivo l'ulivo Divo quindi, ne so più di voi messi insieme.)
Dietro di me, un grosso cartello pubblicitario. Tre tizi sorridenti, qualcosa di comico.
Allora ho capito.
Ho capito il perché di tutto questo.

Mi hanno piantato affinché la bellezza dei miei rami potesse coprire il manifesto della loro stessa civiltà decadente. Sono diventato un Divo veramente. Un inno reale e puro contro qualcosa di artificioso e ridicolo.
Allora ho tirato un sospiro di sollievo e li ho guardati con più affetto.
Le decorazioni oscillavano piano al vento sottile e mi sono sentito più bello che mai.
Mi cureranno, lo so.
Ci tengono a me.
Ai miei rami fragili.
Ora capisco a che cosa servono.

http://www.youtube.com/watch?v=xYdhgPZey6w (La canzone del parco - Baustelle)

13 Commenti

  • Picture0012
    Broccoli or Potatoes? [4738 commenti]
    oltre 8 anni fa

    Come sta Ivo?
  • Picture0012
    Broccoli or Potatoes? [4738 commenti]
    quasi 9 anni fa

    Bellissimo il racconto! Spero che Ivo il Divo stia bene bene bene perchè mi sono affezionata molto mentre leggevo :)
  • Pry
    Pryntyl [2895 commenti]
    quasi 9 anni fa

    Bello Ivo l'ulivo Divo, speriamo resista all'inverno grazie alle vostre cure.
    Io di solito non ho la pazienza di leggere i testi molto lunghi, ma i racconti di Leniter mi piacciono sempre.
  • Me
    Wings [1151 commenti]
    quasi 9 anni fa

    un applauso per Ivo!
  • Vertigonose
    MrCæsar [623 commenti]
    quasi 9 anni fa

    Leniter, scrivi sempre dei racconti bellissimi, leggerti è un piacere! Fate tanti saluti a Ivo, apprezzo molto il suo eroico sacrificio!
  • Uberdolphin
    überdolphin [44 commenti]
    quasi 9 anni fa

    Ah!... gli ulivi nichilisti!
  • 1654297 10202957728330558 2054055747 n
    Brujo [911 commenti]
    quasi 9 anni fa

    green uploaders in azione. apprezzo sempre <3
  • Aug truzzo
    Zaug [681 commenti]
    quasi 9 anni fa

    Che belli i barattoli natalizi, e bellissimo il racconto...ah, e dopo il commento di Crocchio anch'io sono riuscito a scovare Kim! Potrebbe essere una missione a sé, trova dove si nasconde Kim :)
  • 2012 07 26 15 26 43
    CROCCHIO [2585 commenti]
    quasi 9 anni fa

    ok, l'ho trovato... mi sembrava Wallaaigiao ma osservando meglio la maglietta che indossava, non poteva essere.... ;)
  • Dsc03987
    ZannA [2458 commenti]
    quasi 9 anni fa

    bellissimo racconto :)
  •  mg 7590
    Leniter [117 commenti]
    quasi 9 anni fa

    @crocchio: c'era c'era c'era! è in una foto, purtroppo non ha potuto piantare l'albero con noi ma ha fatto tutte le decorazioni. E' stato un ottimo collaboratore. !
  • 2012 07 26 15 26 43
    CROCCHIO [2585 commenti]
    quasi 9 anni fa

    Domanda: che c'entra Kim? Mi sono visto solo le foto, magari compare nel video? No per curiosità...
  • Me cat
    SpastiCat [280 commenti]
    quasi 9 anni fa

    1 voto per la sbatta, 1 voto per la citazione giallante, 1 voto perchè avete affrontato il freddo (ed io sono molto sensibile a questo u.u), 1 voto per il racconto. <3