Iconografia essenziale

by Wings

oltre 10 anni fa

Istruzioni:
Trova sul web un'immagine del gioco più importante della tua infanzia.

“Capitalismo alle prime armi”

Biglie, biglie, biglie!!!

Sono nata con un Dono, particolarissimo e raro, che conservo tutt'ora: l'invornitudine.
Sono maldestra e distratta, se c'è qualcosa su cui poter scivolare, io scivolerò, se c'è qualcosa in cui poter sbattere la testa, io ci sbatterò con inaudita violenza e se c'è qualcosa che può crollare io ci franerò sopra irreparabilmente.
E' lo stesso Dono che posseggono Fantozzi e Mr Bean, per intenderci.
Quella roba lì, l'invornitudine.

Ora, il caso vuole che fuori dagli schermi cine-televisi, questa dote non serva granché nel farsi degli amici. Infatti da bambina, ovvio che facevo ridere tutti, ma per citare Homer Simpson ridevano "di me" e non "con me".
Ciò che mi salvò da una vita solitaria alle elementari furono proprio loro: le biglie.
Sembrano solo innocenti sferette di vetro colorato, e forse ormai lo sono diventate, ma allora no. Allora erano la valuta di scambio, il metro del potere nel cortile della scuola.
Potevi essere anche il più invornito del mondo, ma se possedevi un bel malloppo, ecco che tutto cambiava.

E finalmente, lontana da tutto ciò che prevedeva corse o palloni di varia foggia, in un nuovo mondo dove tutto ciò che dovevi allenare erano occhio e dito indice, io trovai il regno dove potevo essere vincente.
Baravo, ovviamente. Ma ero abbastanza scaltra per non farmi sgamare.

In breve tempo collezionai due scrigni pieni di vetrini, cinesi, madreperla, metalliche e biglioni (almeno due per ogni categoria).
Ad ogni partita, la mia autostima e il mio giro di amicizie variavano proporzionalmente al numero di biglie vinte o perse.

Ovviamente fuori dal cortile rimanevo la stessa sfigata di sempre, ma non abbandonavo mai le mie biglie, ci giocavo e le coccolavo come se fossero bambole, ci dormivo insieme. Le accarezzavo mentre giorno dopo giorno mi ingobbivo sugli scrigni sussurrando: "Il mio tesssssoro!"

22 Commenti

  • Wings [1151 commenti]
    oltre 10 anni fa

    @V.B.: e sai quante botte mi sono presa io perché battevo i maschi? non mi sento affatto in debito con il genere, facciamo che siamo pari XD
    @Uzedh: quando vuoi!
  • Uzedh [1616 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Ed ecco a te un altro homo-invornitus!
    Non so più dove siano finite le mie biglie, ma ho ancora medio e pollice pronti allo scatto!!!!!
    Prima o poi una sfida te la lancerò :D
  • V.B. [575 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Insomma: "My precioussss" before it was mainstream.
    :D
    Bei ricordi, alcuni si intersecano con i miei, altri non mi sono famigliari. Dopodiché battere i maschi a biglie? Sai quale onta gli hai arrecato? Sai quanto stanno spendendo ora in sedute terapeutiche?
    :)
  • *Tish* [5 commenti]
    oltre 10 anni fa

    l'invornitudine è una dote sottovalutata :) bella descrizione!!!!
  • *Ally* [19 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Quand'ero piccola al mare vinsi una gara di biglie....non credevo di riuscire ad arrivare in finale e soprattutto di battere bambini che sfidando il sole e la sabbia bollente passavano le ore a costruire piste elaboratissime!! La cosa più appagante di tutte è stata vedere le loro facce incredule che sembravano dire: HA VINTO UNA FEMMINAAA???!!??? O.o è stato troppo divertente! :P
  • Around A [652 commenti]
    oltre 10 anni fa

    vorto perchè mi divertivo un sacco a costruire con la sabbia i percorsi e sfidare mio fratello a chi faceva arrivare la biglia, per primo, all'arrivo. (Anche io baravo ovviamente). E poi ne avevo due con su goku e vegeta u.u
    Ho un vaso pieno di biglie in casa..e non sai che scivoloni che ho fatto quando le facevo cadere a terra. :)
  • gnapp [2007 commenti]
    oltre 10 anni fa

    voto per solidarietà...anch'io finivo sempre a fare l'aratro in spiaggia!
  • Wings [1151 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Che bello, ogni tanto qualcuno ritira fuori questa esecuzione per racontarmi che giochi faceva. Sta diventando la mia missione preferita per questo!

    @Caia: anch'io in spiaggia spesso ero quella designata a fare da aratro per la pista. E devo ammettere che mi piaceva un sacco XD
  • caia [1324 commenti]
    oltre 10 anni fa

    che bel racconto!
    io non avevo molto a che fare con le biglie, l'unica occasione nella quale ci giocavo era al mare con i cugini e amici vari. innanzitutto venivo trascinata e il mio culetto tracciava la pista (ero la più piccola...).
    poi giocavamo con le biglie dei ciclisti e io mi facevo sempre pale al dito tirando.
    mi ricordo che i miei cugini avevano una fantasia pazzesca, e aggiungevano paludi, foreste di alghe, slalom tra stecchini di ghiaccioli ecc. :)
  • SilenzioAssenzio [1803 commenti]
    oltre 10 anni fa

    anche io ho giocato tanto a biglie: percorsi sulla sabbia, in mezzo alla terra, talvolta anche nel fango, a volte bastava anche un piccolo angolo di terra ed erba in mezzo all'asfalto dove poter allestire un percorso e divertirsi... per non parlare poi dei giochi manovrabili dove la biglia dovevi dapprima guadagnartela lì per poi giocarla con gli amici... quanti ricordi!
  • Pryntyl [2895 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Ecco, questa l'avevo letta e volevo votarla in un momento in cui non avevo voti!!
  • Wings [1151 commenti]
    oltre 10 anni fa

    C'erano tante tipologie, le gare di velocità su percorso per esempio, erano le più gettonate: a turno si spingeva la biglia in avanti con le dita e se uscivi dal percorso eri fuori, poi il primo vinceva tutte le biglie. Oppure le gare di "cicco" che prevedevano una specie di acchiapparella tra biglie, finché una non riusciva a sbattere contro l'altra. In realtà poi, essendo bambini, le regole ce le si inventava anche lì per lì a seconda del momento. Ricordo solo che mi facevo malissimo alle dita pur di vincere. :'D
  • Broccoli or Potatoes? [4738 commenti]
    oltre 10 anni fa

    ora che ho letto (davvero) il testo, raddoppio i voti.
    mi garba assai.
    com'è che si gioca a biglie?
    io ho cominciato ad apprezzarle da grande; le ho rubate ai bambini ai quali facevo da educatrice.
  • Kamikazooka [310 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Bel racconto! Io avevo un po' di biglie e mi piacevano per i loro colori, ma non ho mai saputo come giocarci con gli altri bambini (e poi mi attaccavo così tanto agli oggetti che non avrei mai voluto rischiare di perderne qualcuna!)
  • ZannA [2458 commenti]
    oltre 10 anni fa

    un racconto bellissimo, e solidarietà per la goffaggine, facendo parte della categoria!
  • Claudia Novellini [2 commenti]
    oltre 10 anni fa

    beeeello anche io ero,sono e saro' sempre goffa. molta tenerezza e un po' di cameratismo! VOTO!
  • Claudia Novellini [2 commenti]
    oltre 10 anni fa

    beeeello anche io ero,sono e saro' sempre goffa. molta tenerezza e un po' di cameratismo! VOTO!
  • noisy [152 commenti]
    oltre 10 anni fa

    la tua descrizione mi ha colpito molto :) voto
  • Splinter [436 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Ahh che hai tirato fuori....
    anche noi alle medie giocavamo.. sui banchi.. con i libri come "percorso"... e ho ancora uno scatolone di biglieee!!!
    Ti capiscooo...................
  • Clarie C. [104 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Bella descrizione, hai evocato un sacco di ricordi!
  • Clarie C. [104 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Bella descrizione, hai evocato un sacco di ricordi!
  • Logan [2849 commenti]
    oltre 10 anni fa

    Mi piace il titolo, mi è piaciuta la descrizione... pollice alzato e fiducia! :)
    ...ci ho messo un po' a capire "invornitudine", poi mi sono reso conto che lo uso anche io, ma con la "B" al posto della "V". ;)